Totò cerca pace

Traduci con Google Translator Cerca all'interno del portale

Film in B/N durata 90 min.  -  Incasso lire 240.000.000  (valore attuale €  6.198.347,10)  Spettatori 1.724.000   Video-clip 38 sec.

"Totò cerca pace" 1954 di Mario Mattoli. Soggetto da una commedia di Emilio Caglieri. Sceneggiatura Ruggero Maccari, Vincenzo Talarico, Emilio Caglieri, Mario Mattoli. Produttore Rosa Film Titanus, Direttore della Fotografia Riccardo Pallottini, Musiche Carlo Savina, Montaggio Roberto Cinquini, Sceneggiatore Alberto Boccianti, Direttore di Produzione Alfredo De Laurentiis, Aiuto Regista Roberto Cinquini, Fonico Roy Mangano.

Interpreti: Totò (Gennaro Piselli), Ave Ninchi (Gemma, la moglie), Isa Barzizza (Nella), Paolo Ferrari (il commesso), Enzo Turco (Pasquale), Gina Amendola (Adele), Corrada De Mayo (Rosina), Cristina Fanton (Mirella), Giovanni Nannini (Celestino), Gabriella Ugolini (sorella di Celestino ), Cesarina Cecconi (madre di Celestino ), Vincenzo Talarico (l'avvocato), Nino Vingelli (il cameriere), Ughetto Bertucci (un testimone), Renzo Biagiotti (Oscar Caporali), Franco Caruso (il dottore), Gianni PartanFla (un giocatore alle corse ).

Trama: Il vedovo Gennaro Piselli  (Totò) e la vedova Torresi, entrambi senza figli, incontrandosi spesso sulle tombe dei rispettivi coniugi entrano in amicizia e decidono di sposarsi. Ma i loro nipoti sono contrari alle nozze e suscitano in loro calunniosamente la reciproca gelosia. Alla fine i due smascherano i nipoti e ritrovano la serenità.

Film completo: Totò cerca pace

Critica: È difficile per Totò sfuggire ai gesti e alle battute che l'hanno reso simpaticamente noto nella rivista; e forse per questo egli è capace di non far naufragare un film che riposi unicamente sulle sue spalle, Contando sulla sua vena, che, pur stracca dall'uso, riesce a zampillare ogni tanto, il regista Mario Mattòli ha girato uno spettacolo di puro divertimento con una vicenda farsesca che basa la sua comicità sulle nozze di due vedovi attempati. Dario Ortolani, "Nuova Gazzetta del Popolo", Torino, 18 dicembre 1954.
 
Con "Totò cerca pace" si conclude la serie dei tre film dal titolo "Totò cerca...", iniziata con "Totò cerca casa", il fortunato film di Steno e Monicelli, che aveva rivelato per la prima volta che era possibile mescolare e armonizzare in una fusione impeccabile gli assetti surreali e comici della maschera e della "marionetta-Totò".  Guidato da tre registi differenti, con nomi differenti anche i personaggi (rispettivamente Beniamino Lomacchio, Totò e Gennaro Piselli) de Curtis esaspera gli aspetti surreali di "Totò cerca moglie" e quelli realistici di "Totò cerca pace" strettamente uniti nel primo film della serie. I primi due film erano sostanzialmente delle farse, questo "Totò cerca pace", a parte alcuni passaggi, ha più la struttura della commedia, con una recitazione molto misurata, attenta ai piccoli dettagli, estremamente umana e contenuta sempre nell'ambito del realismo.
 
L'interpretazione che Totò fa di Gennaro Piselli, un mobiliere napoletano trapiantato da venticinque anni a Firenze, è molto ben calibrata e rende in forma perfetta lo straniamento ("siamo italiani all'estero"), l'ironia sui costumi della città con frequenti imitazioni del toscano ("suvvia... e 'un mi far ingrullire") e la infinita generosità nei confronti del vecchio e sempre affamato amico Pasquale Pallante (Enzo Turco). Il personaggio rientra dunque in quella casistica del Totò umanizzato, realistico, anche se fortemente connotato in chiave leggera. La recitazione appare tuttavia, rispetto alle altre prove del genere, più rallentata, più sobria, quasi stanca e disincantata. Possiamo gustare la forza di Totò solo nei rari momenti in cui l'ictus comico (alcuni monologhi, i duetti con Enzo Turco, Ave Ninchi e il nipote avido) ha il sopravvento, rivelando in pieno tutte le corde del suo talento recitativo.
 
Il film è tutto giocato sul registro stilistico dell'humour nero (la scena iniziale dei due vedovi al cimitero, l' evocazione esplicita e continua della morte, il viaggio di nozze a Capri, fino alla scena dei due che si fingono morti e tirano calci ai nipoti) e per certi versi richiama anche "Napoli milionaria", "47 morto che parla" e "Totò e i re di Roma" anche se qui la "maschera" si è completamente dissolta e il volto di de Curtis sa rivelare nelle singole pieghe, nello sguardo, nei movimenti e nella pacatezza del parlato, tutta la sua umana fragilità, che non era assolutamente visibile ne nel dinamico Lomacchio ne nel flemmatico e farsesco Totò di "Totò cerca moglie".
 
La figura di questo personaggio è più vicina alla tipologia del Rocco di "Una di quelle", col quale condivide generosità e debolezze, umana pietà e conoscenza del mondo. "
"Totò cerca pace" è la dimostrazione inoppugnabile che le qualità recitative di de Totò non possono essere ristrette al puro surrealismo o alla comicità di stampo marionettistico, macchiettistico e d'avanspettacolo, nelle quali eccelle senza rivali, ma raggiungono il vertice quando sono abilmente amalgamate con una recitazione realistica, sia questa in chiave di commedia o in chiave drammatica o tragica.
 
Sarà poi solo Pasolini a portare alla luce l'ultima faccia del prisma recitativo di Totò, quella che si collega a un surrealismo realistico e metafisico, in cui tutti questi aspetti delle risorse dramrnaturgiche di Totò (nessuna esclusa) trovano una sintesi inedita.

Tratto da "Totò principe clown" di Ennio Bìspuri per gentile concessione


| Home | Biografia | Locandine | Film cinema | Film montaggio | Film TV | Fumetti | Foto | Teatro | I nomi | Le spalle |

| 'A livella | Poesie | Home video | DVD | Critica | Canzoni | Desktop | Cartoline | Libri | Il baule di Totò | I santini di Totò |

IL PIANETA TOTO' - www.antoniodecurtis.org   Portale interamente dedicato ad Antonio De Curtis     > contatti <