"O' finto muorto"   di Emanuela Catalano

"O' finto muorto"  di Emanuela Catalano

Condividi su Facebook 


Nella versione cinematografica di “Napoli milionaria!”, diretta, sceneggiata e interpretata dallo stesso Eduardo De Filippo nel 1951, molti sono i cambiamenti e le inserzioni al testo teatrale originario, ma il più noto e a tutti ben presente riguarda proprio la lunga scena che chiude il primo atto.

 

Nell’adattamento cinematografico Eduardo spezza in due la parte di Gennaro, inventando di sana pianta un alter ego, Pasqualino Miele, che oltre a dare lo spazio ad un “cammeo” del grande attore partenopeo Antonio De Curtis, in arte Totò (quasi imposto dal produttore Dino De Laurentis), permette all’Autore di dipanare meglio e con maggior dovizie di particolari le proprie idee sulla società.

 

 

Dunque ad apertura del film si vedranno i due amici, Gennaro e Pasqualino, ambedue tranvieri , e poi nello svolgimento della trama, al momento della necessità del “morto” si ricorrerà a Pasqualino che, come dice lo stesso personaggio, è diventato ”un cavallo che si affitta”; cioè non avendo altro modo per sopravvivere “aiuta ad ingannare la legge” per altri che sono meno bravi di lui a fingere.

Eduardo Autore sfrutterà questo “sdoppiamento” per far si che al termine della scena il brigadiere Ciappa, magistralmente interpretato da un terzo grande attore, Arnaldo Ninchi, pur mantenendo la parola, non arresti Pasqualino, che è stato perfetto nel ruolo, ma bensì Gennaro, padrone della casa dove si fa “la borsanera”.
 

Già vedere Gennaro, a teatro, con una larga fascia che gli chiude il volto a mo’ di uovo di pasqua, con tanto di cocche annodate in alto, mette a dura prova la voglia di ridere di uno spettatore.
Gennaro prosegue, infilandosi sotto le lenzuola di un letto i cui materassi, rigonfi di merce illecita, fanno temere quasi uno scoppio, e anche qui non ridere è difficile.
Ma la trasformazione “mortuaria” a cui la scena è stata velocemente condotta da Amalia e Maria Rosaria, permette allo spettatore di mantenersi serio.

Alle finte monache, che si abbigliano sotto gli occhi degli increduli spettatori, fa da contraltare la preghiera pronunciata da Adelaide, con sonorità solenni, verosimile nelle parole ambigue e allusive, che ritma tutta la scena.

L’armonia dell’insieme avrà un punto di frattura col suono della sirena, il “segno di clemenza” ostinatamente, ambiguamente e ripetutamente invocato da Adelaide nelle sue litanie, che cala di botto tutti nelle verità bellica.
Ma dopo l’iniziale fuggi fuggi dei più infingardi, che rassicura, se mai ne avesse bisogno, Ciappa, la scena riprende con un ritmo più sommesso e serrato.

Ciappa parla e si risponde, sa che Gennaro è vivo ma deve ostinarsi a fare il morto. E’col suo silenzio che Gennaro/Pasqualino induce Ciappa all’epilogo della scena, la promessa di non arrestarlo e soprattutto di non fare la perquisizione. Le due scene, quella teatrale e quella cinematografica differiscono nella tecnica, che permette i primi piani del dialogo tra Ciappa e il finto morto, altamente suggestivi e che evidenziano al massimo le grandi capacità recitative di Totò.Nel contempo permette all’Autore del testo di offrire una variante più vera del vero, perché Ciappa nel film denota un comportamento che ci ricorda addirittura un monito dantesco. “ Tu non credevi che io loico fossi!”
Infatti il Brigadiere, dopo la promessa, scindendo ruolo e interprete nell’accoppiata Gennaro/Pasqualino, applaude quest’ultimo e arresta Gennaro, titolare del ruolo di capofamiglia.

Se Eduardo Autore, Regista e Attore, sulle tavole del palcoscenico ci ha fornito un punto inarrivabile della sua Arte, la scena del film ha immortalato per sempre quanto un testo di valore possa aumentare la sua forza grazie ad un interprete “altro”.

Su questo specifico ruolo Ennio Flaiano disse di Totò: ”è finalmente attore calmo…mai farsesco e prepotente.” e Mario Landi: “non è più una marionetta ma un personaggio”.

Firenze 12 Dicembre 2010 Emanuela Catalano
Copiright: www.artemanuela.it

 

^Top

 

 

 

 


| Home | Biografia | Locandine | Film cinema | Film montaggio | Film TV | Fumetti | Foto | Teatro | I nomi | Le spalle |

| 'A livella | Poesie | Home video | DVD | Critica | Canzoni | Desktop | Cartoline | Libri | Il baule di Totò | I santini di Totò |

IL PIANETA TOTO' - www.antoniodecurtis.org   Portale interamente dedicato ad Antonio De Curtis     > contatti <