Teatro Totò   di Emanuela Catalano

Un teatro per Totò: Teatrototò di Emanuela Catalano



In uno dei rioni più popolari e noti di Napoli, quello celebrato anche da una commedia del grande Eduardo de Filippo, “Il Sindaco del Rione Sanità”; alla“Sanità” appunto, il quartiere dove è cresciuto Antonio De Curtis, meglio noto come Totò, c’è un teatro dal nome originale TEATROTOTO’.

Il nome e la ristrutturazione sono datati all’ultimo decennio del secolo ormai trascorso, al 1996 quando, due soci Gaetano Liguori e Davide Ferri con precedenti esperienze teatrali nel settore delle gestioni e delle produzioni, rilevarono un antico sito teatrale, la sala Ausonia, situata in via Frediano Cavara 12/e , un teatro “bomboniera” da seicentotrentasei posti.

Già noto sotto la direzione di Mario e Maria Luisa Santelli come Teatro stabile d’innovazione, con continue frequentazioni di gruppi teatrali universitari, e degli studenti dei corsi di letteratura teatrale, il Teatro Ausonia è stato attivo a Napoli fino alla stagione teatrale 1995/96 quando è avvenuto il cambio già indicato in epigrafe.

 

 

L’idea dei nuovi soci è ben precisa: far divertire, ma senza dimenticare il “riso amaro” insito nella vena teatrale napoletana e della tradizione attoriale partenopea, basti pensare a Pulcinella, a Felice Scioscammocca e all’ indimenticabile sorriso bloccato che caratterizzava le interpretazioni della “maschera” Totò al culmine della disarticolazione del suo corpo.

Così è nata anche la nuova intitolazione del Teatro a Totò, monumento, nelle strade che lo videro bambino, alla sua grande Arte.
La stessa Liliana De Curtis afferma che è nel rione Sanità che vorrebbe collocata una statua dedicata al suo illustre genitore.

L’idea del nome come fusione di un luogo e di una Maschera dà l’idea con cui la nuova conduzione del teatro vuole misurarsi, la dimensione teatrale comica, quella però legata a talenti emergenti o consacrati, ma individuali, dedicati prevalentemente a mettere in luce uno specifico elemento del teatro, l’Attore, non il regista, come è alla moda, non il testo, come non si usa più.

 

 

Fin dal suo esordio questo luogo di spettacolo rinnovato nella tecnica e nell’aspetto propone una rassegna dedicata al Grande Attore Partenopeo a cui si è voluto intitolare.
Il favore del pubblico, la sua attenzione, delizia e croce nel contempo non ha mai abbandonato questo rinnovato luogo dell’arte teatrale, che negli anni ha visto il suo pubblico concrescere ed aumentare fino all’attuale numero di mille abbonamenti, veramente di grande rispetto.

Con questi numeri il TEATROTOTO’ si pone nella grande Napoli come uno dei teatri più frequentati da una popolazione “vocata” all’Arte del palcoscenico.
Lo sforzo nel senso della produzione di spettacoli nuovi è stato ampiamente compreso e ripagato con l’attenzione di un pubblico affezionato e costante nel suo interesse.

Infine da ricordare, come un pensiero stesso lasciato nelle strade della sanità da Totò, la scuola di recitazione, che ci ricorda quanto Il Principe amasse i giovani e fosse attento a loro.

Firenze 20 Gennaio 2011 Emanuela Catalano
Copyrigth artemanuela.it

 

 

 

 

 


| Home | Biografia | Locandine | Film cinema | Film montaggio | Film TV | Fumetti | Foto | Teatro | I nomi | Le spalle |

| 'A livella | Poesie | Home video | DVD | Critica | Canzoni | Desktop | Cartoline | Libri | Il baule di Totò | I santini di Totò |

IL PIANETA TOTO' - www.antoniodecurtis.org   Portale interamente dedicato ad Antonio De Curtis     > contatti <