Omaggio a Totò   di  Rita Caiazza

 

"Omaggio a Totò"

 
'O munno ha visto 'e passà tanta ggente:
re, ministre, prufussure e pure
chi nun era bbuona a niente.
 
Tutte quante hanno lassato nu segno
ma ora sò passate
si, hanno rato giustamente posto all'ate.
 
Però c'è stata 'n'eccezione:
n'omme ca si pure 'e statura
nun era gruosso assaje
è stato grande, oggi più che mai!
 
No! Nun era bello,
anzi era pure piccereniello
ma era nu signore.
'O chiammavano 'o principe
e pe' carriera scigliette e fà l'attore.
 
Pure si chist'ommo era brutto e piccerillo
sapeva comme fa rirere
a mamme, pate e figlie.
 
E' stato nu grande personaggio;
ma 'e chi stongo 'a parlà
l'avite capite 'o no?
Certo, è proprio 'o grande e famoso Totò.
 
Io vurria puterlo vedè
pe lle dicere:
"Dimme Totò, pecchè tu, ca a tutte quante
'e rato alleria e còre,
stive spisso rattristato?
 
'A chi te 'ntervistava dicive:
"Io nun songo jsso,
sò Antonio! e chi piace è proprio n'ato:
 
'o comico, 'o pazziariello che fa ridere
e rallegrà a ggente;
mentre'io sto ccà ovvì,
int a 'n'angulillo,
a guardà mentre fa addivertì
'a gruoss' 'e piccerille.
 
Pecchè sò triste?
Ma sì curiuse?
Mo ca t'aggia cuntà a vita mia?
 
Nun dà retta,
pienseme comme' 'o vide 'e recità,
'e no comm' 'a nomme chino 'e malincunia.
 
J' songo Antonio De Curtis,
a te piace Totò,
il principe della risata
che maje tramontò".
 
E si, tiene raggione,
ma ognuno è fatto 'e ddoje persone:
allera, e pure sfacciata 'a fora,
ma triste e scunsulate
rint' 'o core.
 
'A vita è proprio 'na livella
comme dicive tu:
chi rint' 'a vita è stato
'nu rre, nu magistrato,
'nu grand'omme,
dopp' 'a morte nun le resta niente cchiù,
sulo 'o nomme.
 
Permietteme però 'e te contraddì
e scuseme assaje
nun voglio levà niente 'a sta puisìa,
sulo 'nà parentese 'nce faccio cu simpatia:
 
nun credere ca 'a ttè,
passà a chell'ata vita t'ha fermato,
tu a tutt' 'o munno
nu segno nun indifferente 'e lassato,
eppure ca sì muorte
'o nomme tuoje pe' 'ncanto
s'è fatto cchiù gruosso.
 
Nisciuno te putarria maje scurdà,
e a chi tene sempe 'a faccia appesa,
si te cunosce,
'mpara a ridere e pazzià.
 
Si tu sì Antonio De Curtis o Totò,
nun me 'mporta;
sì stato grande rint' 'a vita,
e mmo pure dopp' 'a morta!"
 
 
 
Rita Caiazza

 

Salve Rosario. Mi chiamo Rita Caiazza e sono di Napoli. Ora vivo in Sardegna. Grazie a Roberto, ho conosciuto la vostra meravigliosa iniziativa e le sono grata a nome di tutti noi, amanti di Totò. Riporto una poesia che ho scritto per il mio e vostro tanto caro  TOTO'. Grazie per la cortese attenzione - Rita Caiazza

 

 

 

 


| Home | Biografia | Locandine | Film cinema | Film montaggio | Film TV | Fumetti | Foto | Teatro | I nomi | Le spalle |

| 'A livella | Poesie | Home video | DVD | Critica | Canzoni | Desktop | Cartoline | Libri | Il baule di Totò | I santini di Totò |

IL PIANETA TOTO' - www.antoniodecurtis.org   Portale interamente dedicato ad Antonio De Curtis     > contatti <